part.gif (12146 byte) Testata.gif (8044 byte)

 

home

   

      

La Resistenza in Europa

Partizan.gif (3053 byte)

La Resistenza in Olanda

olanda.jpg (45301 byte)

 

L'invasione tedesca

Il 9 maggio 1940 fu chiaro che la Germania intendeva violare la neutralitÓ olandese: l'addetto militare olandese a Berlino venne a conoscenza che che il 10 maggio l'esercito tedesco avrebbe varcato la frontiera. Grazie a questo preavviso il comandante in capo delle forze olandesi, generale Winkelinan, ebbe tempo di inviare a tutte le truppe un messaggio con il quale le invitava ad essere, pi¨ vigilanti. Dalle ore 3 del 10 maggio la marina, l'esercito e l'aviazione furono perfettamente pronti ad ogni eventualitÓ, quasi subito giunse notizia che i primi contingenti tedeschi erano entrati nei Paesi Bassi. Lo sfondamento tedesco avvenne verso l'Aia e Rotterdam e sulle frontiere 150 Km ad est. Il duplice colpo mand˛ in crisi le difese olandesi. Quattro giorni dopo, la campagna olandese di Hitler si era giÓ conclusa: il pesante bombardamento di Rotterdam  e la minaccia che la stessa sorte toccasse a Utrecht  indusse il comandante in capo delle forze olandesi a prendere la decisione di deporre le armi. Alle ore 16.50 del 14 maggio venne diramato un messaggio urgentissimo che ordinava a tutti i Comandanti di sospendere i combattimenti e di distruggere tutte le munizioni, le armi e i materiali di ogni genere. Dopo neanche cinque giorni di lotta, l'Olanda si arrendeva alla Germania.

 

La nascita della Resistenza e la deportazione degli ebrei

L'occupazione tedesca dur˛ cinque anni. La regina Guglielmina d'Olanda and˛ in esilio a Londra, diventando il simbolo della resistenza ai nazisti. In Olanda nacque il movimento dei "Gueux" (i pezzenti) che trasse il nome dai fautori della feroce rivolta dei Paesi Bassi sotto la dominazione spagnola, nel XVI secolo. La Resistenza si espresse sia attraverso azioni armate o di sabotaggio, sia attraverso imponenti scioperi. Uno dei pi¨ significativi fu lo sciopero del 22 e 23 febbraio 1941 ad Amsterdam in segno di protesta contro le misure antisemite che avevano portato all’arresto di 425 ebrei. Di fronte all’indignazione generale della popolazione, i comunisti colsero l’occasione per indire uno sciopero: i tram si fermarono e le astensioni dal lavoro si propagarono negli uffici e nelle fabbriche. In risposta, i tedeschi proclamarono la legge marziale e procedettero a numerosi arresti.

Sempre in Olanda, scoppi˛ nell’aprile del 1943 forse il pi¨ importante sciopero dell’Europa occupata (diverse centinaia di migliaia di partecipanti), per protestare contro le misure di lavoro obbligatorio in Germania. Queste manifestazioni ebbero anche un carattere militare. Il 1░ ottobre del 1944 gli olandesi organizzarono uno sciopero delle Ferrovie per bloccare i rifornimenti alle truppe naziste. La reazione tedesca fu durissima: il 10 novembre furono deportati da Amsterdam 50mila olandesi.

Il '45 fu l'anno della capitolazione per la Germania. Nella primavera del '45 l'Olanda fu liberata dalla truppe canadesi e polacche. Le truppe tedesche in Vestfalia, Danimarca e Oland si arresero a Luneburgo, il 4 maggio.

 

pallanimred.gif (323 byte) La Campagna Olandese (lasecondaguerramondiale.it)

resistenza
ricerca
anpi
scrivici
home
home         ricerca        

anpi

        

dibattito

        scrivici

 

.